Lettera circolare del Ministro Generale sulla Canonizzazione del Beato Angelo d’Acri

Lettera circolare del Ministro Generale sulla Canonizzazione del Beato Angelo d’Acri

«Carissimi fratelli
Il Signore Vi doni la sua Pace.
Il 18 dicembre 1825, papa Leone XII beatificava il Venerabile Servo di Dio Angelo d’Acri da tutti conosciuto come l’Apostolo delle Calabrie per la sua instancabile predicazione durante i 38 anni della sua vita sacerdotale. Seguendo il buon pastore non esitò a mettersi per strada alla ricerca del peccatore, del povero e degli ultimi, non risparmiando nulla di se stesso, ma riconsegnando al Signore quanto ricevuto perché la Vita potesse raggiungere tutti.
La figura dell’austero frate predicatore e confessore, elementi tipici del nostro essere frati cappuccini, sarà proclamato “Santo” da papa Francesco il prossimo 15 ottobre 2017, testimonianza sicura della venerazione che lo ha da sempre accompagnato. Chi ha visitato ad Acri la basilica che conserva le sue spoglie mortali non può non essere stato colpito dai numerosi fedeli che giorno dopo giorno lo raggiungono, lo pregano, gli chiedono consiglio e a lui si affidano.
Dal giorno della sua morte il Santo beato Angelo ha così continuato nel suo ministero di predicatore dell’annuncio di Cristo Signore, Via, Verità e Vita, e di forte e compassionevole richiamo per i peccatori.
Qualcuno si chiederà sorpreso: come mai appena adesso? Possiamo realmente ritenere che il nostro confratello non solo è stato continuamente invocato e così è stato presente nella mente e nel cuore delle persone a lui devote, ma che anche dopo morte non ha mai cessato di rendersi presente a noi intercedendo per chi era nel bisogno e a lui si rivolgeva. Molte sono state le grazie attribuite alla sua intercessione nel corso dei secoli e tra queste ci fu anche un
miracolo che la Chiesa ha riconosciuto quale evento determinante per la sua canonizzazione. Rallegriamocene! … »

Per scaricare la lettera clicca qui

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami