Fr. Giovanni Spagnolo recensisce: GIANLUIGI PASQUALE (a cura di), 365 giorni con Antonio da Padova,Ed. Messaggero, Padova.

Fr. Giovanni Spagnolo recensisce: GIANLUIGI PASQUALE (a cura di), 365 giorni con Antonio da Padova,Ed. Messaggero, Padova.

 

 

 

 

di Fr. Giovanni Spagnolo

A dieci anni esatti dalla fortunata pubblicazione, presso le Edizioni San Paolo (2008), di una silloge che raccoglie 365 pensieri di san Francesco, per altrettanti giorni dell’anno, attinti dalle Fonti Francescane con la sapienza e la saggezza del pescatore di perle, il noto teologo, professore e ricercatore cappuccino Gianluigi Pasquale torna in libreria con questo volume analogo, dedicato al seguace più conosciuto del Poverello d’Assisi: Antonio di Padova.
A poche settimana dalla sua immissione in commercio, questo nuovo volume di Gianluigi Pasquale si colloca 21° nella classifica Bestseller di IBS Libri – Religione e spiritualità – Cristianesimo – Liturgia e libri di preghiere a dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, del gradimento e dell’interesse di tutto ciò che gravita attorno alla figura del Taumaturgo di Padova, il Santo, tout-court. 
E, proprio nella presentazione del volume intitolata A Lui, l’Autore da par suo spiega l’unicità di Antonio di Padova “uno dei più degni, tra i primi discepoli di san Francesco di Assisi (1182-1226), di cui ha seguito fedelmente le orme rispecchiando nella propria esistenza i luminosi bagliori di quella del Poverello”, che lo ha spinto a scrivere questa sorta di “breviario antoniano” (pp. 7-8).
Da sempre questa unicità del Santo, che si manifesta con una devozione capillare in tutto il mondo, non solo tra i cristiani, ha colpito e incuriosito Gianluigi Pasquale che, da vero globetrotter, ha potuto verificare e toccare con mano un fenomeno che ha assunto “la forma di una solida certezza: ossia che la gente avesse chiaramente intravisto in sant’Antonio un autentico frammento di Gesù Cristo – il quale è venuto, innanzitutto, per guarire, sfamare e perdonare – al di là e oltre i brevissimi trentasei anni della sua giovane esistenza” (p. 9).
Sempre nella sua Presentazione, l’Autore si dilunga su quelle che chiama le “intuizioni” nei suoi rapporti con il Santo, che provengono da molto lontano insieme a “un’ancestrale devozione a sant’Antonio” che, tra l’altro, ha radici nella sua famiglia (p. 13) e che gli hanno di fatto permesso di portare a compimento, proprio nella ricorrenza del suo venticinquesimo anniversario di sacerdozio (1993-2018) il “votum” di cui questo libro è frutto.
L’aspetto, certamente meno conosciuto del Santo, rimane tuttavia quello che attiene alla sua straordinaria formazione biblica e teologica che aveva spinto il “simplex et idiota” Francesco a rivolgersi a lui in un biglietto come “A frate Antonio, mio vescovo” (FF, 251-252), una sorta di riconoscimento sul campo che abilitava il frate portoghese a occupare nell’Ordine il ruolo di “primo teologo” con la benedizione del Poverello d’Assisi, notoriamente contrario all’esercizio di una scienza che distrugge la fraternità e la povertà.
Ecco perché Gianluigi Pasquale ha voluto scegliere dal mare magnum dei Sermones dominicales et festivi di Antonio di Padova (1195-1231) 365 testi, forte della sua convinzione che (p. 15) tenendo conto, in quanto possibile, la sintonia con le celebrazioni dell’anno liturgico.
Viatico e breviario dunque, “strumento di meditazione e accompagnamento spirituale”, come specifica l’Editore, questo 365 giorni con sant’Antonio di Padova che Gianluigi Pasquale ha voluto regalarci, opportunamente corredato da Fonti e selezione dei testi (pp. 17-21), da una Breve biografia di sant’Antonio (pp. 22-24) e da una Bibliografia ragionata e selezionata (pp. 443-446).
Non sarà difficile, infine, realizzare l’auspicio dell’Autore: attingendo ogni giorni alla Parola di Dio, “ruminata” da Antonio di Padova, lasciarsi illuminare da “quella bellezza che s’intravede sia se si guardano gli occhi innocenti del Santo dei miracoli, sia quelli del Figlio di Dio che, abitualmente, egli tiene come un bambino in braccio” (p. 15).

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami