Incontro con “sorella morte corporale” di fra Antonino Passalacqua.

Incontro con “sorella morte corporale” di fra Antonino Passalacqua.

Con il permesso del Ministro Provinciale, pubblico la circolare contenente il Necrologio di fr. Antonino Passalacqua.

 

 

di fr. Salvatore Zagone

Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori grazie a colui che ci ha amati”(Rm 8,35.37).

Carissimi fratelli, il Signore vi dia pace.
Il 19 febbraio 2020 alle ore 19,00 il nostro fratello Antonino ha concluso il suo cammino terreno presso l’infermeria del nostro convento di Palermo, ed è stato accolto dal Signore nel suo Regno di amore, gioia e pace.
Egli è nato a Carini (Pa) il 19 febbraio 1926, ha fatto la vestizione l’8 dicembre 1948, la Professione temporanea il 15 dicembre 1949 e la Professione perpetua il 13 giugno 1953. Ha conseguito, inoltre, i ministeri del Lettorato ed Accolitato evidenziando il suo desiderio di annunciare il Vangelo e servire gli ammalati, come si evince dalle domande presentate ai Ministri Provinciali del tempo.
È stato presente in diversi luoghi della nostra Provincia Religiosa, così come in Colombia a condividere fraternamente il suo servizio insieme ad altri confratelli della nostra Provincia.
Dalle testimonianze raccolte negli scritti dei Ministri Provinciali che lo hanno accompagnato negli anni passati e dalle persone che lo hanno conosciuto, emerge la sua laboriosità e dedizione negli impegni assunti, e il suo desiderio di trasmettere la fede accolta e maturata nell’incontro quotidiano con la Parola di Dio e l’Eucaristia.
Tutto questo si incarna sempre, come avviene nella nostra vita, nella storia che si è chiamati a vivere, e che per fra Antonino è stata caratterizzata da alcune tappe ed esperienze specifiche. Tra queste ricordiamo quanto vissuto in Colombia, le distanze dai propri familiari e in modo particolare le varie sofferenze avute ed affrontate con spirito di fede. Ed è proprio in un momento di particolare sofferenza che “sorella morte corporale” lo ha incontrato e lo ha condotto davanti alla presenza di Dio nell’eternità.
Affidiamo il nostro fratello Antonino all’Amore Misericordioso di Dio, perché contempli il Suo Volto e canti le Sue lodi in eterno.

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami