“Obbedienza come ascolto per il servizio di sé e degli altri” – incontro interprovinciale di formazione.

“Obbedienza come ascolto per il servizio di sé e degli altri” – incontro interprovinciale di formazione.

Lunedì 2 marzo 2020 i frati cappuccini delle tre Province siciliane ci siamo ritrovati ad Augusta (Sr) per un incontro di formazione riguardante l’Obbedienza secondo S. Francesco d’Assisi.

Relatore dell’incontro è stato Fr. Pietro Maranesi, frate cappuccino delle Marche, Dottore in Teologia Dogmatica ed esperto di Francescanesimo. Fr. Pietro ha cominciato la sua relazione ricordando l’etimologia di “obbedienza”: ob-audire, “(agire) a partire dall’ascolto”. L’ascolto che genera l’azione può essere un “ascolto passivo”, che genera l’obbedienza “del soldato” o l’obbedienza “benedettina”; o un “ascolto attivo”, che chiama a responsabilità. Quest’ultimo ascolto, da cui viene l’obbedienza “francescana”, infatti interpella l’autonomia che parte dall’ascolto di sé e degli altri. A seguire il relatore ha presentato:

1) Il “fondamento cristologico dell’obbedienza di Francesco”: RnB V, 14.

2) Il “testo strategico” dei primi tre versetti del Testamento.

3) La relazione doppia con gli altri quali specchio per me : Amm XIII.

4) Due direzioni alternative derivanti dalla insoddisfazione dei rapporti: la lettera ad un ministro e la “perfetta letizia”.

L’incontro, molto partecipato, è stato anche occasione per il gioioso ritrovarsi di molti confratelli che da tempo non si vedevano.

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami