Lettera quaresimale del Ministro Provinciale fr. Salvatore Zagone

Lettera quaresimale del Ministro Provinciale fr. Salvatore Zagone

 

 

Carissimi fratelli, il Signore vi dia pace.

Vi trasmetto, fratelli, insieme alla lettera che ci ha inviato il Ministro Generale, quanto vado considerando in questi giorni di silenzio, maggiore confronto con la Parola di Dio, preghiera, maggiore spazio e tempo di vita fraterna, riflessione e verifica del cammino percorso. Stiamo vivendo giorni di particolare prova, che coinvolge l’universo intero, e viene a interpellare le nostre coscienze sul dono della vita e sulla conseguente responsabilità verso di essa. Sono momenti di riflessione e di confronto sull’avvento del Coronavirus che sta mettendo in seria difficoltà la nostra salute, e ci sta ponendo determinate domande per la salvaguardia e la custodia dell’umanità stessa.

Dando uno sguardo alla nostra storia recente, notiamo come siamo stati coinvolti ad affrontare diverse realtà emergenti nel nostro pianeta come i cambiamenti climatici, la corsa agli armamenti atomici, il ripensamento dei confini degli Stati, l’assestamento dell’economia mondiale … In tutto questo possiamo rilevare la precarietà e la preziosità della nostra esistenza. Sono convinto, fratelli, che questo tempo che stiamo vivendo è veramente un tempo quaresimale per noi, invitati dalla Parola di Dio a camminare nella preghiera, nel digiuno e nell’elemosina, a superare la tentazione di uno sguardo superficiale nei confronti dell’opera redentrice di Dio e di una conseguente accoglienza tiepida nel nostro animo, e che ci fa vivere la nostra vita di fede nella mediocrità. Siamo chiamati ad aprire ancora una volta il nostro cuore alla Voce dello Spirito, a coglierne i segni della Sua presenza, a crescere nel dono della vocazione, ad esprimere con umiltà e con gioia la bellezza della nostra vita fraterna, a farci presenti in mezzo alla gente come frati minori cappuccini. Questo ci chiede di dare una testimonianza umile, fiduciosa e caritatevole.

Vi sono vicino con la preghiera, e insieme a voi, fratelli, desidero elevare una preghiera incessante al Signore perché ci liberi da questo flagello mondiale, manifesti la luce e la forza per gli operatori sanitari, governativi e militari, per gli ammalati e le loro famiglie, per quanti operano nella nostra società compiendo un servizio costante accanto ai poveri. Vi saluto con affetto fraterno, invocando su ciascuno di voi la benedizione del Signore.

Qui è possibile scaricare la Circolare Ministro Generale 17 Marzo 2020 

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami