Incontro di Fra Antonino Giacalone con sorella morte corporale

Incontro di Fra Antonino Giacalone con sorella morte corporale

 

 

di fr. Salvatore Zagone, Ministro Provinciale

Carissimi fratelli, questa mattina (30/04/2020 NdR) alle ore 6,00 mi è giunta una telefonata da parte di Padre Francesco, fratello di Fra Antonino, dandomi notizia dell’incontro definitivo con il Signore del nostro fratello Nino a motivo di un arresto cardiaco.

Egli è nato il 23 novembre 1954 a Palermo, ha fatto la Vestizione nell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini il 29 giugno 1976, la Professione Temporanea il 29 giugno 1977, la Professione Perpetua il 2 ottobre 1981.

Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla” (Sal 23,1). È ciò che ieri pomeriggio ci dicevamo con fra Antonino al telefono, poiché stavo considerando la liturgia della Parola domenicale, e avevo letto alcune riflessioni di Padre Turoldo, a cui lui era molto legato. Ci dicevamo come l’immagine del Pastore, accostato al Signore, viene ad indicarci la certezza del Suo sostegno e ad avere una fiducia totale in Lui in ogni istante della nostra vita. La consapevolezza della precarietà della vita, che era presente nell’animo di fra Antonino, lo portava a ribadire ogni volta che ne parlavamo quando lo invitavo a prendersi maggiormente cura di sé, a manifestare l’abbandono fiducioso alla volontà di Dio e ad accettare la diversità del fratello in uno spirito di comunione. L’apertura all’ascolto della voce dello Spirito, la disponibilità all’aiuto fraterno, il riconoscimento del dono della vocazione ricevuto da Dio sono orientamenti che hanno accompagnato il nostro fra Antonino insieme ad una ricerca costante tra il progetto di Dio e la sua crescita interiore e tra i fratelli. Sono diversi gli attestati di stima nei confronti di fra Antonino che sono giunti in Curia, ai familiari, ai confratelli, sottolineando la bontà e la generosità che lo hanno caratterizzato nel suo agire. Desidero mettervi a conoscenza di quanto scritto dal Ministro Generale dell’Ordine, fra John Corriveau, il 5 giugno 1999 in una lettera indirizzata a fra Antonino al termine del suo servizio svolto per cinque anni presso la Biblioteca Centrale del Collegio Internazionale “San Lorenzo da Brindisi” a Roma: «In tutti noi resta il segno della tua testimonianza di persona affabile e della tua sollecitudine fraterna espressa quotidianamente e in tutte le circostanze, grandi e piccole, della vita della nostra Fraternità del Collegio. Grazie, carissimo Antonino, per l’impegno della tua vita religiosa e per la tua attività zelante espletata in questi anni, tu l’hai svolta animato da un grande spirito di donazione, di cui è doveroso prendere atto e ringraziarti per la tua generosità, delicatezza e attenzione».

Fra Antonino si è reso presente in diversi luoghi della nostra Provincia, esprimendo la sua disponibilità a svolgere i vari servizi a cui è stato chiamato. Desidero ricordare l’impegno come segretario provinciale, come vicario della fraternità di Partinico, come cuciniere, la sua competenza nell’uso della tecnologia messa a servizio dei fratelli, la responsabilità assunta presso la nostra infermeria provinciale. Pur affrontando diversi problemi di salute fisica, non è mai mancato il sorriso, la pacatezza e la spontaneità nell’esprimere i suoi disagi personali ai fratelli a cui li manifestava nell’intento di una possibile soluzione condivisa.

Viene seppellito presso la Cappella del nostro cimitero di Palermo, ed invito i frati a celebrare la Santa Messa in ricordo di fra Antonino, in attesa di poterlo fare insieme nella nostra Chiesa di Salemi appena sarà possibile. La consapevolezza di essere guidati dal Signore, la certezza di essere sostenuti dalla Sua Misericordia, la speranza riposta in Lui, che vanno al di là dei nostri meriti, ci invitano ad elevare la nostra preghiera al Signore per fratello Nino e a chiedere di cantare in eterno l’amore di Dio. Fraterni saluti.

Lascia un commento

avatar

* Questa casella GDPR è richiesta

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

  Subscribe  
Notificami